La Vendemmia delle Uve Rosse

Il miglior commento che si possa fare a proposito della vendemmia 2018, da poco conclusa, è che è stata una gran bella vendemmia, anche al di sopra delle migliori aspettative. Le uve rosse del nostro territorio arrivano a completa maturazione ben più tardi rispetto alle uve bianche. Per quest’ultime confermiamo, finite ormai le fermentazioni ed essendo in corso l’affinamento sulle fecce, i commenti pieni di entusiasmo che vi abbiamo riportato nel nostro precedente Diary. Per la maturazione ottimale dei grappoli di uve rosse invece possiamo dire che sono risultate determinanti le condizioni metereologiche degli ultimi tre mesi del ciclo vegetativo delle piante, cioè da agosto in avanti. L’estate settembrina, protratta fino a metà ottobre inoltrato, è stata di grandissimo aiuto per far raggiungere a tutti i componenti delle uve rosse la piena maturità, mantenendo un perfetto stato sanitario, quasi da manuale. Per raggiungere risultati buoni e duraturi nel tempo, è importante che tutte le componenti dell’uva rossa siano mature. Infatti, a differenza delle uve bianche, anche le bucce ed i vinaccioli (i semi che si trovano dentro all’acino) vengono coinvolti nel processo di vinificazione, anzi ne sono i protagonisti principali: la macerazione prevede un periodo di contatto più o meno lungo tra succo/vino e bucce/vinaccioli, che cedono colore e struttura al vino. La nobiltà del loro apporto però cambia a seconda del grado di maturazione raggiunto in pianta: in generale, più la maturazione è lenta, più il raccolto delle uve rosse è di qualità poiché tutte le diverse componenti raggiungono insieme quelle caratteristiche indispensabili per arrivare ad un prodotto di eccellenza. L’uva rossa ideale per un vino rosso destinato a durare nel tempo deve essere giustamente zuccherina, con buccia croccante ma non astringente e semi marroni che, masticati, ricordino una nocciolina tostata. Quest’anno questo quadro ideale è stato raggiunto praticamente in tutte le varietà, grazie sia al lavoro svolto in vigna nel corso di tutta la stagione sia alle condizioni atmosferiche favorevoli che ci hanno permesso di attendere con pazienza che la natura facesse il suo corso a nostro favore. Le premesse sono entusiasmanti, ma seguiremo nei prossimi mesi l’evoluzione dei singoli vini in cantina.