Primo giorno di Marzo, la sorpresa della neve

L’andamento climatico delle ultime annate ci ha ormai abituato a non sorprenderci più di niente. Per questo motivo, nella mattina di oggi (primo giorno di marzo) la visione imbiancata delle nostre colline non ci ha colti totalmente impreparati. Sicuramente la magia dell’ambiente che si viene a creare quando i copiosi fiocchi di neve cadono sui nostri vigneti e sui Giardini all’italiana ha contribuito più ad uno sguardo incantato che stupito. Peraltro, nella media degli andamenti stagionali di più anni, una nevicata nel mese di marzo non è così anomala, e si era già verificata nel corso di qualche annata negli ultimi decenni. Quest’anno inoltre la neve era particolarmente attesa: dopo il caldo estremo e continuativo dell’estate 2017, e la pressoché totale assenza di piogge, la neve è da considerare molto preziosa per i nostri vigneti. Infatti il manto nevoso, sciogliendosi lentamente, è di grande utilità per il ripristino delle riserve idriche del terreno: tutta l’acqua che deriva dallo scioglimento della neve scende lentamente e altrettanto lentamente raggiunge gli strati più profondi del terreno. Si riducono al minimo le perdite per ruscellamento, e inoltre si proteggono anche le colture da eccessivi abbassamenti termici. Per questi motivi, la neve a Tenuta Santa Caterina è stata accolta, con grande entusiasmo, anche dai primi ospiti della nuova stagione del nostro Relais, che hanno trovato ad accoglierli i camini accesi e il nostro paesaggio da favola.