Salidoro 2017 e Silente delle Marne 2014

Le fiere primaverili sono state l’occasione per presentare le nostre nuove annate dei vini bianchi. A partire dal Prowein di Düsseldorf, abbiamo portato con noi il Salidoro 2017 ed il Silente delle Marne 2014, due vini molto diversi e due annate altrettanto differenti.
Il nostro Salidoro, uvaggio di Chardonnay e Sauvignon proveniente da un’unica vigna, ha trovato nell’annata 2017 le condizioni per esprimere in maniera completa le sue potenzialità. La potenza dell’annata si manifesta nell’esplosione di profumi che si sprigiona appena si avvicina il bicchiere al naso, un complesso aromatico poliedrico che sicuramente impressiona il nostro olfatto. Le nostre terre bianche, profonde e calcaree, hanno assicurato quell’acidità e quella mineralità che sono caratteristiche peculiari del nostro Salidoro, elementi che assicurano una durata nel tempo. Il Silente delle Marne, impreziosito da una nuova etichetta, nell’annata 2014 è riuscito ad esprimere tutta la sua potenzialità olfattiva. Un’annata fresca è notoriamente sempre favorevole all’esaltazione dei profumi, e così è successo anche per il Silente. Il bouquet derivante dalla fermentazione e dall’affinamento in barrique di rovere francese trova una perfetta fusione con le caratteristiche aromatiche del nostro Chardonnay. L’acidità e la mineralità sostengono ed esaltano il vino in bocca, conferendogli pienezza ed eleganza oltre che una lunghezza di retrogusto di tutto rispetto. La nuova etichetta del Silente consegna al degustatore un pezzo di storia della nostra Tenuta: l’affresco della Santa Caterina, che veglia sulla nostra Cantina Storica, e che si può ammirare durante le visite guidate che vi invitiamo a svolgere presso la nostra splendida realtà.