L'Enologa Racconta: Salidoro 2019, Monferrato bianco D.O.C

Novembre 2020

Come possiamo definire l’annata 2019 dal punto di vista meteorologico?
L’annata 2019 è passata alla storia come una delle annate più calde degli ultimi venti anni per il territorio piemontese. Forse ci ricordiamo ancora le temperature record raggiunte nei pomeriggi del mese di giugno e di luglio, che hanno messo a dura prova sia noi che le piante di vite. Fortunatamente, nel mese di luglio qualche pioggia è intervenuta a mitigare le alte temperature, fornendo refrigerio anche alle piante di vite.
Com’è stato dal punto di vista meteorologico il periodo vendemmiale?
Nel corso del mese di agosto e settembre, i valori termici dell’annata 2019 si sono ridimensionati e posizionati nella media del periodo, regalando giornate calde ed asciutte seguite da notti via via sempre più fresche. Questo periodo è altrettanto determinante per la qualità del raccolto.
Quando sono state vendemmiate le uve per produrre il Salidoro nell’annata 2019?
Il Salidoro è un uvaggio tra Chardonnay e Sauvignon. Lo Chardonnay rappresenta il 75% delle uve utilizzate, il Sauvignon il 25%. Le uve provengono dallo stesso vigneto che è stato raccolto il 30 agosto nel 2019. Questa data è abbastanza in linea con le date di raccolte delle altre annate, complice anche l’esposizione ad Ovest del vigneto che ha permesso di mitigare in parte i picchi termici dell’annata.
Cosa significa uvaggio?
Il Salidoro, come tutti gli altri vini di Tenuta Santa Caterina, è un vino ottenuto da un singolo vigneto. In particolare nel vigneto Salidoro ci sono il 75% delle piante di Chardonnay ed il 25% di piante del Sauvignon. La loro posizione reciproca, e gli obiettivi enologici che ci poniamo nel produrre questo vino, ci permette di raccogliere le due varietà contemporaneamente e di lavorare i grappoli insieme in pressa: da qui il termine uvaggio. Solo il 10% delle uve di Chardonnay viene pressato da solo e separatamente dal resto poiché destinato a fermentare ed affinare in barrique, per poi unirsi alla parte fermentata ed affinata in acciaio.
Quali sono le caratteristiche salienti del Salidoro 2019?
In quest’annata il Salidoro ha saputo esprimere una spiccata mineralità, che è sicuramente un suo carattere distintivo, particolarmente accentuato nel 2019. Al naso i sentori dello Chardonnay si uniscono alle florealità del Sauvignon, che non arretra nella sua espressione aromatica. Al gusto, una spiccata vena acida si unisce alle note sapide, stimolando una salivazione che è indice di piacevolezza in un vino bianco!
Che abbinamenti suggerite per questo vino?
Il Salidoro trova sempre le sue migliori espressioni nell’abbinamento gastronomico. Visto il periodo e l’espressione dell’annata, mi sento di suggerire l’abbinamento con un piatto che vede gli asparagi come ingrediente, meglio ancora se abbinato a formaggio di media stagionatura, ma anche primi piatti!
Vai al prodotto

L'Enologa Racconta: Salidoro 2019, Monferrato bianco D.O.C

Information
request and
booking


For further infromation


For reservations at Tenuta Santa Caterina Relais

TENUTA
Via Marconi 17,
14035 Grazzano Badoglio AT
Tel./Fax +39 0141 925108

Visite e Degustazioni
info@tenuta-santa-caterina.it
RELAIS
Via Marconi 23,
14035 Grazzano Badoglio AT
Tel./Fax +39 0141 925472

Hospitality
relais@tenuta-santa-caterina.it

Where to find us
Book Request Call

close

Subscribe to our newsletter



Cancel
close

Grazie

Il suo messaggio è stato spedito correttamente.

Close

Condizioni


Qui condizioni di vendita

close

Log in


Are you a new user?

Register now